COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO

"Lampada per i miei passi
è la tua Parola,
luce sul mio cammino"

Salmo 119,105

 

BATTESIMO DEL SIGNORE (Anno B)

«IL CIBO DEI BATTEZZATI»

COMMENTO ALLA PAROLA
DEL 7 GENNAIO 2024

don Francesco Pedrazzi

Is 55,1-11 Da Is 12 1Gv 5,1-9 Mc 1,7-11

«Perché spendete denaro per ciò che non è pane, il vostro guadagno per ciò che non sazia?». Sono parole della prima lettura della Festa del Battesimo del Signore, dal libro del profeta Isaia.

Che cosa “sazia” veramente l’uomo? «Cibi succulenti», divertimenti sfrenati, giochi, viaggi, shopping, video, fotografie, likes, followers…? Ok, tutte cose lecite, ma davvero pensiamo che bastino a saziare il cuore umano?

Quando arriveremo in Cielo vedremo chiaramente che il dono più grande della vita è il nostro Battesimo, perché in quel giorno per noi è avvenuto quanto si racconta nel vangelo di questa domenica: si è squarciato il Cielo, lo Spirito dell’Amore di Dio è sceso su di noi e il Padre, vedendoci “rivestiti di Cristo” ci ha detto: «Tu sei il Figlio mio amato!». Il Battesimo, tuttavia, non è che un piccolo seme, come il granello di senape della parabola evangelica (Mc 4,30-32). Può crescere solo se si trova in un ambiente di fede, fatto di preghiera e di una testimonianza di vita conforme ai valori del vangelo. Se questo avviene, il seme diventa una grande pianta e «fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra». Infatti non c’è niente che sazia maggiormente e che ci rende più “grandi” e “forti” del coltivare la certezza di essere amati da Dio come veri figli.

Questa è la grazia del Battesimo, che si completa nella Cresima e soprattutto nell’Eucaristia, cioè nella partecipazione assidua alla Messa domenicale.

Ecco il “cibo dei battezzati” consapevoli che non possono essere felici cibandosi solo delle “carrube del mondo” (Cfr. Lc 15,16-17). Hanno bisogno di nutrirsi ogni domenica del “Pane del Cielo”: il Pane che sazia e disseta il cuore, che lo guarisce lo fortifica. Perciò si prega nel Salmo responsoriale: «Attingeremo con gioia alle sorgenti della salvezza. Ecco, io avrò fiducia, perché mia forza è il Signore!». Amen.

commenti recenti

ARCHIVIO DEI COMMENTI

Vai all'archivio dei commenti alla Parola 2020-2024

Condividi:

Grazie
per averci
contattato!

Ti risponderemo quanto prima.