«La pietà popolare valorizza i simboli, e il Cuore di Gesù è il simbolo per eccellenza della misericordia di Dio; ma non è un simbolo immaginario, è un simbolo reale, che rappresenta il centro, la fonte da cui è sgorgata la salvezza per l’umanità intera».

Papa Francesco

Percorso di meditazioni
per i primi venerdì del mese

Audio-video delle meditazioni mensili
nei Primi Venerdì del Mese

SECONDO VENERDÌ:  la fede

O Eccomi, mio Gesù, nel venerdì del secondo mese, giorno che mi ricorda il martirio al quale Ti sei sottoposto per riaprirmi le porte del Paradiso e sottrarmi dalla schiavitù del demonio.

Dovrebbe bastare questo pensiero per capire quanto è grande il Tuo amore per me. Invece sono così tardo di mente e così duro di cuore che ho sempre stentato a capirti e a risponderti.

Tu mi sei vicino e io Ti sento lontano, perché credo in Te, ma con una fede così debole e così annebbiata da tanta ignoranza e da tanto attaccamento a me stesso, che non riesco a sentire la Tua amorevole presenza.

Allora Ti supplico, o mio Gesù: aumenta la mia fede, annienta in me quanto non piace a Te e mi impedisce di vedere i Tuoi lineamenti di Padre, di Redentore, di Amico.

Dammi una fede viva che mi faccia attento alla Tua parola e me la faccia amare come il buon seme che Tu getti nel terreno della mia anima. Nulla possa turbare la fede che ho in Te: né il dubbio, né la tentazione, né il peccato, né lo scandalo.

Rendi pura e cristallina la mia fede, senza il peso dei miei interessi personali, senza i condizionamenti dei problemi della vita. Fà che io creda solo perché sei Tu che parli. E Tu solo hai parole di vita eterna.  

PRIMO VENERDÌ:  il pentimento

O Cuore di Gesù,  fornace ardente di amore per tutti gli uomini da Te redenti con la Tua passione e morte di Croce, vengo a Te per chiederti umilmente perdono di tanti peccati con i quali ho offeso la Tua Maestà infinita ed ho meritato il castigo della Tua giustizia. Tu sei pieno di misericordia e per questo vengo a Te, fiducioso di ottenere, assieme al perdono, tutte le grazie che hai promesso a chi si sarebbe accostato ai santi sacramenti della Confessione e della Comunione nei primi venerdì di nove mesi consecutivi.

Mi riconosco vile peccatore, indegno di ogni Tuo favore, e mi umilio davanti alla Tua infinita bontà, per la quale mi hai sempre cercato e hai pazientemente aspettato che venissi a Te per godere della Tua infinita misericordia.

Eccomi ai Tuoi piedi, mio amabile Gesù, per darti tutta l’adorazione e tutto l’amore di cui sono capace, mentre Ti supplico: “Pietà, mio Dio, pietà di me secondo la Tua grande misericordia. Nella Tua bontà cancella i miei peccati. Lavami da tutte le mie colpe. Purificami e sarò mondato, lavami e sarò più bianco della neve.

Se vuoi puoi guarire l’anima mia. Tu puoi tutto, mio Signore: salvami.” 

PROMESSE DI GESÙ ALLE ANIME DEVOTE AL SACRO CUORE

1. Io darò loro tutte le grazie necessarie nel loro stato.

2. Io metterò la pace nelle loro famiglie.

3. Io le consolerò nelle loro afflizioni.

4. Io sarò loro sicuro asilo in vita, e specialmente in morte.

5. Io spargerò abbondanti benedizioni sopra tutte le loro imprese.

6. I peccatori troveranno nel mio cuore la fonte e l’oceano della Misericordia.

7. Le anime tiepide s’infervoreranno.

8. Le anime fervorose giungeranno rapidamente a grande perfezione.

9. Io benedirò le case, ove l’immagine del mio Sacro Cuore verrà esposta e onorata.

10. Io darò ai Sacerdoti il dono di commuovere i cuori più induriti.

11. Le persone che propagheranno questa devozione avranno il loro
nome scritto nel mio Cuore, e non ne sarà cancellato giammai.

12. Nell’eccesso della Misericordia del mio Cuore, prometto che spargerò gli influssi del mio Amore Onnipotente su tutti quelli, i quali si comunicheranno nel primo venerdì di ogni mese per nove mesi consecutivi, e concederò loro la grazia della perseveranza finale, onde non moriranno nella mia disgrazia, né senza avere ricevuti i Santissimi Sacramenti: e il mio Cuore sarà per essi, in quell’ora estrema, sicuro asilo contro gli assalti dell’infernale nemico.      (Santa Margherita M. Alacoque)

L’ultima delle dodici promesse è chiamata “la grande promessa”, in quanto più importante e straordinaria, perché con essa il Cuore di Gesù assicura l’importantissima grazia della «morte in grazia di Dio», quindi la salvezza eterna a chi farà in suo onore la Comunione nel Primo Venerdì di nove mesi consecutivi.

PER RENDERSI DEGNI DELLA GRANDE PROMESSA È NECESSARIO:

1. Accostarsi alla Comunione in grazia di Dio: se si è in peccato mortale, è necessaria la confessione.

2. La devozione va protratta per nove mesi consecutivi. Per chi tralascia anche una sola comunione, deve ricominciare da capo.

3. La pia pratica si può iniziare al primo venerdì di un mese qualsiasi.